I vantaggi della fatturazione elettronica per pa e privati

fatturazione-elettronica-pa-privatiSiamo in un momento di grande trasformazione della società italiana che parte dalla Riforma della Pubblica Amministrazione. Il 31 marzo 2015 ha rappresentato una tappa fondamentale per l’avvio del percorso di digitalizzazione e dematerializzazione della Pubblica Amministrazione, che ha coinvolto 22mila enti e oltre 51 mila uffici, attraverso la fatturazione elettronica.

Secondo le ultime ricerche, all’indomani dell’obbligo di fatturazione elettronica, saranno 26,6 milioni le fatture elettroniche che dovranno essere gestite dal Sistema di Interscambio ogni anno, con un risparmio che ammonta a circa 17 euro per ogni fattura ricevuta. Ma quando il sistema entrerà a pieno regime, il numero di fatture scambiate, tra amministrazioni e fornitori, sarà circa di 50 milioni, con conseguente aumento dei risparmi.

I vantaggi non sono ovviamente solo riferiti alle amministrazioni, ma si stimano altrettanti benefici anche per i fornitori delle PA. In primo luogo, vengono risparmiati tra 6 e 8 euro a fattura, e i fornitori ricevono le notifiche sull’esito dell’emissione, dal sistema di interscambio, da cui deriva la certezza che la PA abbia ricevuto la fattura. Nel caso la fattura consegnata non presenti errori di scarto (percentuale destinata a ridursi sempre più), e risulta approvata, una volta scaduti i termini di pagamento, è possibile richiedere la certificazione del credito e successivamente smobilizzarlo attraverso servizi bancari.

Risulta evidente, nonostante le prime diffidenze a riguardo, come la tecnologia possa aiutare a rendere più trasparente ed efficiente il rapporto tra pubblico e privato. Non stupisce, dunque, che il 21 aprile il Consiglio dei Ministri, abbia deciso di introdurre forti leve incentivanti all’adozione della fattura elettronica tra privati, non potendo attuare normative obbligatorie così come è stato verso la Pubblica Amministrazione.

I benefici per i privati che adotteranno la fatturazione elettronica, oltre a quelli già presenti per le pa, si traducono in una agevolazione nell’effettuare la trasmissione telematica, coniugare comunicazione commerciale e fiscale, abolire gli adempimenti derivanti dallo spesometro e rimborsi Iva più veloci.

Scopri i vantaggi per te con mDM: le soluzioni di gestione documentale e fatturazione elettronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *