Inizia il Count Down per la fatturazione elettronica

fatturazione elettronica dal 31 marzo 2015L’articolo 25 del Decreto di Legge del 24 aprile 2014, n.66 sulle “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale”, estende l’adempimento della fatturazione elettronica a tutte le amministrazioni a partire dal 31 Marzo 2015.

Con la fatturazione elettronica si avvia il percorso di innovazione e cambiamento nella PA, che porterà a reali cambiamenti per l’intero Paese. La fattura cartacea non potrà più essere accettata dalle amministrazioni, oltre che emessa.

Per tutto ciò che riguarda l’emissione, trasmissione, conservazione delle fatture elettroniche, facciamo riferimento al Decreto del MEF n.55 del 3 aprile 2013.

Tutte le amministrazioni sono chiamate ad attivare un percorso di adeguamento alle disposizioni normative, attraverso la nomina di un referente per la fatturazione elettronica e la registrazione su l’indice della pubblica amministrazione (IPA)

L’obbligo ha interessato le imprese e i professionisti che dovevano emettere fattura elettronica verso i ministeri, le agenzie fiscali e gli enti di previdenza (dal 6 giugno 2014) e interesserà tutti gli altri enti pubblici locali (dal 31 marzo 2015). Inoltre, a partire dai tre mesi successivi all’entrata in vigore, le P.A. non potranno procedere al pagamento, neppure parziale, fino all’invio del documento in forma elettronica.

Il nostro obiettivo è trasformare l’obbligo normativo in un’occasione favorevole, per migliorare l’efficacia e l’efficienza delle amministrazioni e la qualità dei loro servizi.

Attraverso il sistema di gestione documentale, mDM Document Management, vengono forniti strumenti ad alto contenuto tecnologico, in grado di fornire soluzioni, servizi e consulenza per l’adeguamento alle nuove normative. Un partner prezioso in grado di creare la fattura in formato elettronico strutturato (XML tracciato PA), firmarla digitalmente, inviarla al sistema di interscambio (SID – il nodo centrale che riceve e smista la fattura elettronica da parte delle Pubbliche Amministrazioni), ed infine di provvedere alla conservazione a norma in modalità digitale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *